Tatarella: Liquidazioni d’oro, la memoria corta di Emiliano

Tatarella: Liquidazioni d’oro, la memoria corta di Emiliano

lunedì 13 aprile 2015 10:40:13

“E’ fin troppo facile in campagna elettorale ergersi a moralizzatore della politica”. Lo dichiara l’avv. Fabrizio Tatarella, che attacca: “Michele Emiliano ha la memoria corta e dimentica di essere stato a capo del Pd regionale in questi ultimi otto anni.  Non sarò certamente io a difendere Niki Vendola, ma va ricordato al focoso Emiliano, che la legge sulle scandalose liquidazioni dei consiglieri regionali è competenza del Consiglio e non della Giunta. Il Segretario – Presidente regionale del più numeroso gruppo consigliare in Regione avrebbe ben potuto chiedere ai suoi consiglieri di proporre una legge per cassare quella vergogna. Per otto lunghi anni, invece, Emiliano è stato inerte e silenzioso ed è vergognoso che parli solo oggi, in campagna elettorale.”

“A Michele Emiliano dalla memoria corta – aggiunge Tatarella – voglio ricordare che egli restò ancora muto, inerte e indifferente anche quando il mio giornale ( Puglia d’oggi ) chiese a tutti i consiglieri regionali di cancellare quell’assurdo privilegio e di ridurre il numero dei consiglieri regionali. Non mi sovviene il ricordo un Emiliano particolarmente attivo in quella occasione. Il Consiglio regionale, a maggioranza Pd, infatti, non ha mai cassato quella legge e ha ridotto il numero dei consiglieri, solo perché costretto da una legge del Governo Monti e da una sentenza della Corte Costituzionale. Sempre con il complice silenzio di Michele Emiliano. Un minimo di decenza e di coerenza dovrebbe consigliargli di tacere e di non continuare a prendere in giro i pugliesi, come ha fatto con i baresi”

 


Le ultime news

» Archivio

Concerto di beneficenza per ricordare Pinuccio Tatarella